Quali sono gli aspetti ombra della personalità

Quali sono gli aspetti ombra della personalità

Tempo di lettura: 10 minuti.

Quali sono gli aspetti ombra della personalità e come tornare al proprio vero sé

La linea principale  in termini di trasformazione personale è l’accettazione di se stessi e la guarigione dei propri aspetti ombra. Parliamo ora di questo argomento per farvi comprendere meglio ed  esiste anche un percorso intensivo di trasformazione “Danza con le Ombre”.

In questo articolo spiegheremo la matematica. Imparerete cosa sono le parti in ombra di voi stessi, cosa sono le maschere e i ruoli, come gli aspetti in ombra vengono portati alla luce e, soprattutto, come questo vi aiuterà a tornare al vostro vero sé.

Quali sono gli aspetti ombra della personalità

Il concetto di vero sé e di cosa sono le ombre, le maschere e i ruoli

C’è il vero voi, il vostro vero sé. Allo stesso tempo, esiste tutto ciò che non è il vostro vero sé.

Da ciò si possono distinguere due categorie.

Da un lato, c’è il vostro vero sé. È l’aspirazione di tutti coloro che intraprendono il cammino dello sviluppo spirituale. Il ricercatore spirituale si sforza di diventarlo, di connettersi, di fondersi con esso.

D’altra parte, ci sono molte cose che vi impediscono di essere questo vero Sé. Si tratta delle vostre parti ombra/non riconosciute, delle maschere, dei ruoli.

Gli aspetti ombra della personalità

Questi includono tutto ciò che avete represso in voi stessi, nascosto a voi stessi,  tutto ciò che non riconoscete, negate, rifiutate (come positivo, così negativo).

Questa è l’Ombra in senso classico.

Sono queste parti non riconosciute che provocano una forte reazione emotiva negli altri, perché lì, come in uno specchio, si vede se stessi.

L’Ombra è una delle manifestazioni dell’io non vero.

Il segno principale della “voce” dell’Ombra sono le vostre reazioni emotive negative a qualsiasi cosa.

Quali sono gli aspetti ombra della personalità

Le vostre maschere

Il non vero sé comprende le maschere che tutti indossano, che spesso si rivelano orribili piuttosto che belle maschere di carnevale.

Per esempio, all’interno siete in preda al dolore, alle lacrime e al risentimento, mentre all’esterno mostrate equanimità e calma.

Questa maschera sembra accettabile per le situazioni di lavoro.

È triste quando continuate a indossare la maschera dell’equanimità in situazioni in cui, come donna, avete il diritto di trasmettere la vostra vulnerabilità, la vostra debolezza e di chiedere aiuto e sostegno.

Quali sono gli aspetti ombra della personalità

I vostri ruoli

Appartengono al regno al di là del vostro vero sé anche i ruoli che svolgete nella vita.

Un ruolo non significa qualcosa di negativo. È qualcosa che avete dato per scontato per impostazione predefinita: è così che deve essere.

Di norma, non ci si interroga e non ci si permette di farlo:

  • Chi dice che deve essere così?
  • Quale legge stabilisce che una persona debba essere così?
  • Da chi è stabilito che debba comportarsi solo in questo modo?

Questa sfera comprende tutti gli atteggiamenti e le aspettative su come deve essere una madre, su cosa si richiede da un bambino, su come deve comportarsi un uomo nel matrimonio, ecc.

Ci sono molti ruoli e spesso, anche rendendosi conto dell’assurdità dei “codici di legge” dei ruoli, una persona li segue obbedientemente.

Nella realtà attuale, la struttura dei ruoli si sta inevitabilmente dissolvendo. Gradualmente, i ruoli cadono.

Periodi di evidenziazione degli aspetti ombra della personalità

In questo momento, i poteri superiori stanno convogliando grandi flussi di energia per evidenziare tutto ciò che non è vero.

C’è il vostro vero Sé e c’è voi, da qualche parte ombre, da qualche parte maschere, da qualche parte ruoli, una tale “insalata” che non vi permette di essere veri.

Tutto questo viene messo attivamente in evidenza, sia durante i periodi energeticamente carichi che nei giorni ordinari. Ognuno ha il suo punto di dolore, una sorta di innesco che scatena una reazione negativa.

Negli specchi storti che i vostri cari vi mostrano, vedete voi stessi, ma non lo riconoscete. Credete che il comportamento dell’altro sia rilevante solo per voi stessi.

I periodi di evidenziazione, soprattutto attraverso le persone vicine, possono essere presi male, soprattutto dal punto di vista emotivo.

Questa è la vita normale dell’Ombra. Questa vita viene attivamente alla ribalta durante i periodi energeticamente carichi, quando le forze superiori dirigono un fascio intensificato di riflettori sulla vostra vita.

Di conseguenza, in questi periodi, ciò che era a metà, in penombra, ciò che si preferiva non notare, improvvisamente viene alla luce.

I periodi di attivazione dell’Ombra personale sono vissuti in modo diverso da persone diverse.

Nelle persone spiritualmente elevati, che sono intensamente impegnati in se stessi, l’Ombra può manifestarsi all’interno di portali energeticamente carichi.

Ci sono persone che hanno già risolto molte questioni legate alla propria Ombra, e nei “portali d’Ombra” queste persone vivono tranquillamente, in modo normale.

Le energie attuali sono tali che gradualmente sempre più persone vengono avvolte dal fascio di luce dei riflettori.

La Terra e l’umanità stanno percorrendo un cammino in cui tutti i blocchi, gli ostacoli e le barriere che impediscono a una persona di essere se stessa devono essere messi alla luce.

Molto di ciò che è stato nascosto al sé interiore e che continua a essere nascosto sarà reso manifesto a tutti.

Quali sono gli aspetti ombra della personalità e come tornare al proprio vero sé

Puoi leggere anche l’articolo Guarire l’ombra

Lavorando con l’ombra: è necessario valutare i propri “successi”?

Se vivete senza cambiamenti nei portali dell’ombra, non abbiate fretta di valutare la situazione attraverso la mente: “visto che non è successo nulla durante il giorno, significa che sono una persona eccellente, e che solo i “deboli” stanno soffrendo”.

La tendenza a valutare se stessi nasce dal programma che si trova dentro di voi. Questo programma è in grado di darvi solo due opzioni: “o sono il migliore”, “o sono un completo perdente”.

Smettere di valutare se stessi. Smettete di valutarvi, soprattutto attraverso la lente di alcune cose spirituali.

È bello il modo in cui lo avete adesso. Se non vi sentite male, siatene felici, sballatevi, senza valutazioni.

Se non ti senti bene, tira fuori la tua cassetta degli attrezzi e mettiti al lavoro, senza giudicare.

I genitori come specchi ombra

I riflessi dello specchio si presentano come riflessi diretti. Spesso il rispecchiamento diretto può essere visto nelle relazioni con i genitori.

Per esempio, una donna adulta può negare la madre (le qualità insite in lei) per tutta la vita, finché un giorno si rende conto di possedere lei stessa molte di queste qualità.

Con i genitori, il voto che inconsciamente si fa a se stessi, “non sarò mai come loro”, spesso funziona.

Dal momento in cui si fa il voto, si inizia a comportarsi esattamente come i genitori senza accorgersene.

Cosa sono gli aspetti ombra della personalità e come tornare al proprio vero sé

Tre domande per ricentrarsi sul proprio vero sé

Ci sono tre domande che vi aiuteranno a diventare più consapevoli di quando state manifestando dal vostro non vero sé, per spostarvi verso il vostro vero sé.

Saranno particolarmente efficaci nel lavoro con le maschere.

1. Cosa c’è davanti a me e non è me?

La prima domanda è: cosa c’è davanti a me e non è me?

Spesso, invece di lavorare e risolvere i problemi che avete davanti, vi aggrappate con la mente a cose che non hanno nulla a che fare con voi.

Ad esempio, è autunno e l’inverno sta arrivando.

Invece di occuparsi dei preparativi in corso per l’inverno, della revisione delle cose invernali o degli acquisti necessari, eccetera, l’attenzione si concentra sugli eventi in America. Tutta la sua energia va in quella direzione.

Invece di affrontare i compiti che sono proprio davanti alla persona, la sua attenzione si concentra altrove.

Oppure, una donna legge un post sul trattamento ingiusto di cani e gatti. E fa… – “Sono compassionevole, sto male per questa ingiustizia!”.

In questo esempio, la persona rifiuta anche di affrontare i problemi che ha di fronte.

Invece di cercare una soluzione ai problemi attuali, la mente inizia ad aggrapparsi a qualsiasi cosa.

In questo modo, si “sottrae” dall’affrontare quei compiti che si trovano nel suo spazio al momento e che richiedono il suo coinvolgimento diretto.

Chiedetevi costantemente: cosa c’è davanti a me in questo momento che non sono io?

Non appena scoprite ciò che “non è voi”, cancellatelo immediatamente. Non lasciate che la vostra mente vi porti via da ciò di cui avete veramente bisogno.

Se scegliete di assecondare la vostra mente, non dovreste sorprendervi di non avere tempo per voi stessi e per la vostra attività.

L’energia e il tempo vengono trasferiti altrove e i risultati sono nulli.

Lo stesso fenomeno è descritto nella gestione del tempo. Al mattino iniziate un compito importante, che, ad esempio, può portarvi un reddito tangibile, ma durante il suo svolgimento siete inconsciamente distratti da tutto ciò che entra nel vostro spazio in parallelo.

Di conseguenza, investite molto tempo nel compito, che però si rivela irrisolto.

Attenzione: il sabotatore dentro di voi è sempre in agguato.

È sempre desideroso di risolvere i problemi degli altri per impedirvi di prendervi cura di voi stessi e quindi di concentrarvi sul vostro vero io.

2. In che cosa sto agendo attualmente in un modo che non corrisponde a ciò che sono?

La seconda domanda si sovrappone alla prima. Siuona così: in che cosa sto agendo attualmente in un modo che non corrisponde a ciò che sono?

Questa domanda comprende diverse varianti, tra cui queste:

Dove mi sto inserendo?
Dove sto cercando di essere buono?
Dove sto cercando di non offendere gli altri, a mio discapito?
Cosa penserà o dirà la gente di me?
Che impressione faccio?

Ogni volta che “per compiacerli” rompete con voi stessi, state facendo un passo nella direzione opposta al vostro Sé, vi state allontanando da voi stessi.

Verificate la motivazione di ogni vostra azione con questa domanda. Qual è il motivo dietro la vostra azione? Per quale motivo la state facendo? Lo state facendo “per fare cosa”?

3. Dove agisco per obbligo piuttosto che per scelta?

La terza domanda che vi riporta al vostro vero sé è: dove agisco per obbligo piuttosto che per scelta?

Ci sono impegni esterni, quando dovete effettivamente fare qualcosa. E ci sono obblighi interni, quando vi siete convinti di essere in debito con qualcosa.

Gli obblighi nascono dai ruoli e dai vostri atteggiamenti di ruolo.

Si può avere una certa idea di come dovrebbe comportarsi una buona madre, ecc. Detto questo, la maggior parte di coloro che interpretano il ruolo di buona madre stanno inconsapevolmente facendo molti danni ai loro figli.

Se provate una forte reazione negativa (aggressività, irritazione, rabbia) al comportamento di una persona cara, determinate cosa vi indigna esattamente nel suo comportamento.

Ad esempio, come madre, siete infastiditi dal comportamento di vostro figlio adulto. Dopo aver scritto le vostre lamentele in dettaglio (la figlia è una sciattona, non vi ascolta, ignora ciò che è importante per voi, ecc.

A differenza di voi, vostra figlia fa ciò che le fa comodo, ciò che vuole, ciò che sceglie.

Chiedetevi dove agite per obbligo piuttosto che per scelta. Molto probabilmente, a differenza di voi, vostra figlia agisce per sua scelta.

Per analizzare la vostra situazione e comprenderla meglio, dovete descriverla nei dettagli. Finché non si scrivono le risposte alle domande, esse rimangono nella vostra testa come un’accozzaglia di pensieri informi.

Quando scriverete le vostre risposte, potrete vedere dove non vi permettete di essere voi stessi.

La maggior parte delle lamentele dei genitori nei confronti dei figli, soprattutto degli adolescenti, riguarda questo aspetto: loro si permettono di essere se stessi, ma voi no. Questa è pura Ombra.

Non vi permettete di essere voi stessi perché pensate di doverlo fare. I vostri figli non lo fanno, ed è il loro dono che vi portano (se questo è il vostro caso).

Completate la vostra cassetta degli attrezzi con queste tre domande.

Se vi imbattete in qualcosa di spiacevole, non rimandate controllate voi stessi in base a questi tre punti.

Si possono vivere periodi di attivazione del non vero sé in modo abbastanza tranquillo.

Qualcuno può essere messo in evidenza in modo potente e reagire emotivamente in modo acuto. È sufficiente che si metta alla prova (situazioni del giorno) con tre domande alla fine di ogni giornata.

Se durante il periodo di evidenziazione dell’Ombra si ha un’accentuazione della sensibilità, non bisogna rinchiudere i propri sentimenti, ma lasciarsi andare. Se la sensibilità accentuata interferisce molto, mettete in atto difese, staccatevi dalle persone.

Durante questi periodi, concedetevi più riposo. Imparate a dare voce ai vostri desideri e bisogni.

Se sapete quale tipo di sovraccarico aumenta la vostra sensibilità, cercate di evitarlo.

Condividete nei commenti, quali sono le vostre difficoltà nello scoprire gli aspetti ombra, cosa avete già guarito, su cosa state lavorando ora?

P.S. Vi invitiamo al percorso intensivo trasformativo “Danza con l’ Ombra” per svelare gli aspetti ombra della tua personalità, conoscere il vostro Vero Sé e scoprire le vostre fonti interne di energia.

Dettagli del programma Qui >>

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto