I programmi distruttivi del passato e il loro impatto sulla vostra vita

I programmi distruttivi del passato e il loro impatto sulla vostra vita

Tempo di lettura: 5 minuti.

I programmi distruttivi del passato e il loro impatto sulla vostra vita

Tutte le nostre convinzioni provengono dal passato, alcune delle quali sono state ereditate dai nostri genitori e dalle persone che ci circondano.

Nell’ambito degli enormi cambiamenti che stanno avvenendo nel mondo, in noi e nella direzione in cui stiamo andando, vale la pena di prestare attenzione ai programmi predefiniti e distruttivi. Dopo tutto, hanno un impatto negativo sulla nostra vita in generale e sulle decisioni che prendiamo.

Ne parliamo in questo articolo.

PODCAST:

Youtube

Spotify

Il ritorno alla propria integrità, la realizzazione del proprio valore: questo è probabilmente uno dei temi principali per le persone che stanno percorrendo il cammino dello sviluppo spirituale e personale.

Ecco alcuni dei programmi che molti di voi affrontano nella loro vita. Man mano che scioglierete questo groviglio, vi troverete sempre più vicini al vostro vero sé.

Tutti noi veniamo dal duro passato, non tanto voi, ma i vostri genitori. In misura maggiore o minore, abbiamo affrontato tutti i complessi inerenti all’era delle difficoltà. Nonostante il fatto che tra di noi siano pochissimi di quelli che ricordano com’era veramente.

Non sto rimproverando il passato, ma c’era un certo atteggiamento, e reazioni, e norme di interazione nella società, che hanno lasciato il segno.

Il deprezzamento prosperava ovunque. Ci vuole più di una generazione perché la svalutazione come dato di fatto scompaia, o questa paura di difendersi, di dire qualcosa perché non è bello, non è accettato, “cosa penserà la gente”.

Ma ci sono anche persone con una mentalità diversa, in cui non c’è questo senso pervasivo di vergogna per il fatto che si sta facendo qualcosa di sbagliato. O il senso di colpa di sentirsi nel modo sbagliato.

Un giorno sradicheremo anche questo aspetto in noi stessi.

Vedi anche Perché è così difficile imparare ad apprezzare se stessi

Apprezzamento invece di sostegno

Il concetto di sostegno è percepito in modo diverso da persone diverse, a seconda dell’immagine del mondo in cui si vive e della situazione specifica.

Sostenere non significa soccorrere. È possibile sostenere qualcuno solo comprendendo ciò di cui ha bisogno.

Vi sarà sicuramente capitato di trovarvi in situazioni in cui vi sentite male, voi e la vostra famiglia decidete di condividere, ma i vostri sentimenti vengono svalutati: “dai, tutti vivono così, è normale”. Oppure iniziano a insegnarvi come dovete comportarvi.

Siete addolorati, volete sostegno, quello che è successo è grave per voi, e in cambio venite svalutati. Una, due situazioni: dopo vorrai parlare dei tuoi sentimenti?

I vostri parenti, soprattutto i genitori, non conoscono altro modo, non sanno come dare sostegno. Per loro, sostegno, aiuto equivale a insegnare, a dare consigli. Anche questo deriva dal passato.

E voi non avete bisogno che vi si insegni la vita, e certamente non avete bisogno di essere svalutati. In questo momento avete un altro bisogno, in cui mettete la parola “sostegno”.

Supponiamo che siate stanchi, che stiate cadendo, che non abbiate bisogno di essere accuditi in questo momento, che vogliate che tutti se ne vadano, che chiudiate le porte, che vi occupiate dei bambini per mezz’ora, in modo da potervi sdraiare, non muovervi, stare fermi per un po’.

Oppure quando si torna a casa dopo una lunga assenza, e tutti parlano, e si ha bisogno di stare in silenzio, di avere la possibilità di espirare.

Ci troviamo di fronte al problema della svalutazione, della violazione dei confini personali, soprattutto quando si tratta della generazione più anziana. Più l’età è avanzata, più è difficile riadattarsi, perché ci è stato insegnato in modo diverso, la vita era in una modalità diversa.

Senso di vergogna acquisito

Un esempio:

Da bambina, in prima elementare, ero costretta dopo la scuola mangiare e poi fare i compiti. Mio padre era al lavoro fino a tardi, mia madre pure e io ero a casa da sola.

Dopo la scuola dovevo tornare a casa, mangiare il pranzo (mi avevano insegnato a riscaldarlo) e poi fare i compiti. Sinceramente dicevo che mangiavo, ma in realtà buttavo via il pranzo, lo davo al cane e andavo a fare una passeggiata in cortile.

Più volte mi hanno sorpresa, mentre tornavano presto dal lavoro, e dicevano: “tutti i bambini sono come i bambini e io….”.

A questo proposito, è comparsa la vergogna, un sentimento di vergogna legato al non essere come tutti, che ho elaborato in seguito per molti anni.

Allo stesso tempo, ho avuto un’infanzia normale, sono stata molto amata e curata, ma ho avuto un gran numero di storie traumatiche, con cui ho dovuto fare i conti per molto tempo.

E non perché i miei genitori fossero una specie di mostri, all’epoca era un’educazione normale.

Senso di colpa acquisito

Il senso di colpa e la coscienza di vittima vanno di pari passo. Il senso di colpa consiste nel non permettere a se stessi di provare ciò che si prova. In origine proviene dallo stesso luogo, il passato.

Una via d’uscita consiste nel permettere a se stessi di accettare di default che qualsiasi cosa si provi, si ha diritto ad averla.

Non siamo santi, non ci sono santi su questo pianeta, non ha senso che si incarnino qui. Anche i maestri ascesi entrano nei corpi come persone comuni.

Siamo diversi, viviamo esperienze diverse, siamo in stati diversi. Ma siamo così abituati a violentarci in molte direzioni. Mi viene in mente un pensiero: mi rimprovero per questo. Qui mi vergogno, là mi sento in colpa. Non sto facendo la cosa giusta.

Uscendo, cominci a mettere in dubbio il tuo diritto di essere qui. E poi si passa il resto della vita a fare i conti con la mancanza di autostima.

Non ho il diritto di stare qui. E di certo non ho il diritto di avere alcun beneficio. Non è che mi sia sbagliata per tutti questi anni.

È una lunga storia di molti, e ce la tiriamo fuori di volta in volta.

Ma negli ultimi anni abbiamo fatto un’enorme strada per tornare a noi stessi, a un noi normale, da quella versione imperfetta e maciullata con cui siamo finiti, con l’aiuto di genitori, amici, babysitter, insegnanti, e altri.

Ma non è perché sono dei bastardi, o come vorrete chiamarli, ci hanno fatto questo di proposito. Era tutto con le migliori intenzioni.

Il vostro compito ora è di non aggrapparvi al passato, al dolore che avete provato, di non conservare i vostri traumi, le vostre ferite.

Rintracciate questi programmi e pensieri distruttivi, lasciateli andare con la consapevolezza che avete fatto un gran lavoro per rimettervi insieme pezzo per pezzo.

Lodate voi stessi per la strada che avete percorso, rendetevi conto di voi stessi come un essere integro con gratitudine per il passato che avete vissuto e non solo vissuto, ma avete preso tutta l’esperienza preziosa che c’era.

Quali programmi distruttivi avete dovuto affrontare?

#colpa, #negatività, #limiti, #lasciarandare, #sostegno, #passato, #vergogna, #credenze, #valore

 

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto