Rendersi conto del valore della propria presenza sulla Terra

Rendersi conto del valore della propria presenza sulla Terra

Tempo di lettura: 6 minuti.

Rendersi conto del valore della propria presenza sulla Terra. Indicatori da tenere d’occhio

 

Nel novembre 2023, nella previsione di Lauren Gorgo secondo cui per coloro che hanno lavorato su se stessi e hanno guarito la separazione interiore, inizia una nuova fase della vita, con nuovi potenziali, con nuove possibilità.

“Chi ha guarito la separazione interiore può utilizzare le energie cosmiche per migliorare le proprie creazioni e manifestazioni. Per utilizzare l’intero spettro di ciò che siete”. (Lauren Gorgo)

Questa è una frase chiave del programma. Quindi, alla luce degli squilibri che vengono ora evidenziati e per coloro che sono pronti, che hanno fatto un po’ di lavoro su se stessi, ho compilato un elenco di cose da tenere d’occhio.

PODCAST:

Youtube

Spotify

Indicatori da tenere d’occhio

1. La priorità assoluta è il vostro Sé autentico

La priorità assoluta è questo punto: guardate dove state bloccando il vostro Sé autentico continuando a usare la vostra versione limitata.

È un fenomeno comune quando il vostro mondo spirituale, tutto ciò che leggete, studiate, praticate, vive per conto suo, e la vostra vita e il vostro lavoro sono separati.

Alcuni hanno questa separazione e divergenza totale e altri, come dico io, hanno le orecchie che sporgono.

Tutto ciò che studio, è in sé, e a casa sono così bianca e soffice, adattandomi a mio marito, ai miei figli, tutti così co-dipendenti. E al lavoro non dico nulla.

La divisione tra ciò che sei dentro, come ti sei scoperta, e come ti mostri nella vita reale al mondo e alle persone che ti circondano. Vale la pena di guardarla da vicino. Perché ognuno di noi ha qualcosa che deve essere lavorato e riunito.

Nel Percorso Trasformativo Danza con l’Ombra percorriamo il cammino dal Sé limitato al Sé autentico, abbracciando le nostre parti ombra. Per saperne di più, visitate il link >>.

2. Unità di emozioni, pensieri, azioni e convinzioni. La trasparenza

Il secondo punto da notare è che io dico una cosa e ne faccio un’altra.

L’anno scorso è uscita una canalizzazione di Steve Rother sulle quattro linee di integrità vibrazionale. Queste sono le quattro componenti: ciò che pensate, ciò che sentite, come agite, ciò che credete.

Mettendo la mano sul cuore, ditemi: vi capita spesso di avere questo allineamento?

È una sfida per molte persone, soprattutto per quelle che camminano per strada e sono completamente fuori dal giro. La nostra società è costruita su altri principi: giocare bene quando si gioca male. La maggior parte delle persone ha una discrepanza totale in questo senso: sorridere negli occhi, poi piangere o imprecare dentro, complottare, ecc.

L’esempio della nemesi. Prima non riuscivo a capire cosa fosse questa frase. E si scopre che si tratta di un amico, con il quale si sembra essere amici, ma alle spalle accadono molte cose sgradevoli da parte sua. Oppure prendiamo i collettivi, soprattutto quelli femminili, dove lavorano molte persone, questi eterni chiarimenti, pettegolezzi.

La coerenza nasce quando si regolano tutte e quattro le sfere: ciò che penso, ciò che credo, ciò che sento e come agisco.

Così si cattura quando si dice una cosa e se ne fa un’altra.

L’ideale è quando tutto è trasparente, quando non ci sono ripensamenti, quando si manifesta ciò che si sente veramente, quando non ci si aggrappa a quei pensieri intrusivi che compaiono spontaneamente nella testa, si sa come filtrarli e ci si concentra su ciò che conta davvero.

3. Valore di sé e accettazione

Un’attenzione particolare va poi riservata al valore di sé e all’accettazione.

Un indicatore che dimostra che state vivendo il vostro io limitato è la bassa autostima, la vergogna e il senso di colpa.

La quantità di tempo che trascorriamo in una versione limitata di noi stessi determina il livello di ciò che creiamo e l’impatto che abbiamo sul mondo.

Il valore di sé e l’accettazione: guardiamoli da angolazioni diverse.

L’autovalore è quanto mi stimo. Capita che io sia così bravo a parole, ma che di fronte a una situazione mi comporti come al solito: non visto, non sentito, un topo grigio.

Negli uomini è molto probabile che sia il contrario: sono un tale papà nella terra, ma in realtà ha tutti gli stessi traumi, solo che si manifestano sotto forma di aggressività, sarcasmo, attacchi, ecc. Sono due facce della stessa medaglia.

Accettazione, non riguarda nemmeno voi stessi, ma tutto ciò che vi circonda.

Pronunciate il mantra dell’accettazione, soprattutto quando si scatena il controllo (non so controllare, so controllare), quando si scatena il giudizio, la critica. Ricordate a voi stessi: “Accetto tutti per quello che sono. Lascio che pensino ciò che pensano, che facciano ciò che fanno.

Aumentate la vostra accettazione di tutti e di tutto. Qui non si tratta di voi stessi, ma in particolare della focalizzazione verso l’esterno dell’accettazione di tutto.

“Non sono obbligato a conformarmi a ciò che proponi tu”: quando si ha questo come default, i risentimenti scompaiono. I risentimenti sono false aspettative e rappresentazioni costruite dalla mente. E, uscendo, si smette di sentirsi in colpa perché si è imparato a perdonare se stessi per le azioni sbagliate. Scompare anche il sentimento di vergogna.

La vergogna come indicatore della mancata comprensione del proprio valore

La mancata realizzazione del mio valore e la vergogna vanno di pari passo perché penso di non essere ciò che dovrei essere. Questo deriva dall’infanzia: sono cattivo, sono cattivo, sono sempre inadeguato, sono sempre insufficiente.

È difficile da risolvere, non c’è una pillola magica che ti fa guarire con una pratica. Ci vogliono molti anni di lavoro monotono per coltivare il proprio valore, per rendersi conto che sono come dovrei essere in questo momento, non corretto, non aggiustato. E allora la vergogna, così com’era, brucia, scompare.

Si ritiene che le persone si dividano in due categorie: alcune si sentono in colpa, altre provano vergogna. Io sono uscita dal lavoro con un carico colossale di vergogna verso tutto e tutti. Solo qualche anno fa ho chiuso l’argomento per me stessa.

Quando ci si vergogna di tutto, lo si proietta sugli altri. Negli uomini si manifesta sotto forma di rabbia, aggressività e attacco, nelle donne: “sono tutti sbagliati, mi vergogno di loro”. Vergogna di fronte ai vicini, vergogna di fronte ai parenti, agli amici, ecc.

In ogni caso, la vergogna e il senso di colpa sono una manifestazione di coscienza, sono normali. È solo che vengono elevati a una parvenza imperfetta di assoluto. Ogni volta si trova la conferma che non si è ciò che si dovrebbe essere e si cade sempre più in basso. Quindi ho sempre torto per difetto. La base è deformata.

Un buon esempio è quello di un’automobile. Se non ha un motore funzionale, non importa quanto siano belli gli interni e gli esterni dell’auto, non va. Puoi avere tutto bello, ma se alla base il motore non funziona, non sono il tipo giusto di persona dalla nascita, dall’infanzia, dall’adolescenza, in una relazione, non importa il momento, sei diventato il tipo sbagliato di persona, ogni volta ti caricherai di più, sempre di più.

Una volta accettato che sono quello che sono, alimentando il vostro valore dall’interno, molte cose si dissolveranno da sole.

Vedi anche Programmi distruttivi del passato e il loro impatto sulla vostra vita.

Rendetevi conto del valore della vostra presenza sulla Terra

“È importante che vi rendiate conto che questo nuovo gioco Umano-Nuova Terra non sarebbe stato possibile, non si sarebbe manifestato senza la vostra presenza sulla Terra. Ognuno di noi ha un pezzo vitale di questo puzzle cosmico che ora diventerà evidente.

Ricordate che solo coloro che sono incarnati su questo pianeta possono cambiare tutto questo a livello atomico. Ciò significa che tutti noi avevamo bisogno di nascere come esseri umani in corpi fisici in questo momento critico per completare la nostra missione globale a più vite”. (Lauren Gorgo)

Quindi un applauso a me stessa.

E per coloro che sono perplessi da questa frase, tornando alla questione del valore di sé, quanto vi rendete conto del valore della vostra presenza e di ciò che fate qui, essendo nei corpi, conducendo energia, trasmettendo luce e amore in grandi quantità, su base quotidiana.

Quanto spesso riuscite a mantenere uno stato di coscienza espansa stabile, in modo che la luce e l’amore che sono dentro di voi e che state conducendo attraverso di voi fuoriescano dall’interno?

Il vostro mantra è: sono come ho bisogno di essere in questo momento.

Chi pensa di essere a posto con questi indicatori? Siete pronti ad attingere all’intero spettro di ciò che siete?

 

#esseretrasparenti, #limitazioni, #séautentico, #accettazione, #autostima, #vergogna, #creatore, #valore

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto