Tempo di lettura: 6 minuti.

La fine del gioco e la fiducia in ciò che sta accadendo

Per la tua privacy YouTube necessita di una tua approvazione prima di essere caricato. Per maggiori informazioni consulta la nostra Dichiarazione privacy.
Ho letto la Privacy Policy ed accetto
 

La nuova era che si sta affermando e che gradualmente si rende disponibile alla nostra percezione (non con la mente, ma con il cuore) va oltre il gioco delle polarità. Quel sistema di relazioni in cui la competizione e la lotta, i confronti e la paura del rifiuto da parte del gruppo erano la norma dell’ambiente di sviluppo.

E molti si chiedono: a cosa sono servite le lezioni apprese nel gioco delle polarità? E perché ora abbiamo bisogno delle esperienze che quelle lezioni ci hanno costretto ad acquisire? Ci sono varie abilità di pressione, intrigo, manipolazione da un lato e abnegazione dall’altro.

Nulla è stato vano! Il grande gioco polare, in cui le anime si sono trasformate, hanno imparato le loro lezioni e hanno acquisito la loro esperienza, aveva un solo scopo: far nascere una nuova forza d’Amore attraverso la resistenza dell’ambiente. Questa nuova forza d’Amore si chiama compassione. Non è quello stato di simpatia, lacrimosità e senso di superiorità (sta peggio di me – lo sosterrò dall’alto del mio livello) che spesso definisce la comunicazione umana. Compassione è capire, attraverso l’esperienza, che cosa significa rinascere dalle ceneri, che cosa significa risorgere dopo essere stati traditi, che cosa significa perdonare chi ti ha offeso (perché la tua anima sa che nessuno ti offende per sbaglio)….

Le nostre anime sono venute qui sulla Terra proprio per poter andare oltre il ruolo nelle condizioni del gioco. E le lezioni di vita non sono la capacità di calpestare, schiacciare e passare sopra le teste, non sono la capacità di combattere e sopravvivere… Le lezioni di vita sono la comprensione di ciò che è più importante: amore o odio. È scegliere di essere onesti con se stessi indipendentemente dal guadagno o dalla perdita di benessere esterno. Quei momenti in cui il sorriso di un bambino, la pace nel cuore, il tramonto su un fiume o il canto di un usignolo in un normalissimo villaggio semiabbandonato diventano più importanti dei successi di carriera e dei loro frutti socialmente prestigiosi, se per questo si devono interpretare ruoli che soffocano se stessi e gli altri.

La lezione principale

La lezione principale del gioco della polarità è ricordare che siamo immortali. Non siamo un pezzo di carne con le ossa, ma un’Anima immortale che ha scelto di immergersi in trame spesso crudeli e assurde, di interpretare cattivi e sofferenti, vigliacchi ed eroi, di rendersi conto che anche perdere il corpo non è una tragedia se si è riusciti a mantenere forte lo spirito.

Gli antichi saggi dicevano:

“A volte, per conservare la tua anima, devi rinunciare alla tua vita”.

È stato grazie a questo che le nostre anime hanno acquisito la loro esperienza e sono andate alla Luce dentro di noi.

Ed è proprio perché abbiamo i geni di tutti i ruoli precedenti scritti in noi che ora abbiamo la forza di abbracciare con cuore e amore qualsiasi cosa vediamo intorno a noi nel presente e qualsiasi cosa ricordiamo di noi stessi nel passato e ora molti sogni o fantasticherie possono essere sconvolgenti nella loro intensità emotiva. E abbiamo l’opportunità, nel momento presente, di concludere questo spettacolo, di far calare il sipario. Tutte le storie narrative, le guerre, i genocidi, le sofferenze di massa, si stanno concludendo in noi.

Le nuove frequenze

Le frequenze che stanno arrivando sulla Terra ora non sono più compatibili con le frequenze di separazione: nemico-amico, carnefice-vittima… Tutto ciò che è basato sulla lotta e sull’opposizione sarà rapidamente bruciato. E ogni vita vivente sulla Terra (umano, coleottero, filo d’erba, pietra…) ha un programma il cui scopo è ricordare l’unità in questo mondo frammentato. Ricordare se stessi come parte del tutto e riconoscere finalmente il fatto che non c’è nessun altro oltre a te, ci sei solo tu riflesso in miliardi di specchi.

Molte persone vivono il momento attuale in modo duro, duro sia mentalmente che fisicamente. Sul sito web ci sono vari materiale al riguardo. In realtà, voi e io stiamo compiendo due processi allo stesso tempo: dissolvere le registrazioni negative nelle cellule del nostro corpo e attraversare il processo di dissoluzione del vecchio corpo e creare un nuovo Corpo di Luce.

Liberandoci da tutte le solite fantasie della matrice, cioè smettendo di essere una “bambola” della matrice, non solo cancelliamo i problemi che sono registrati nel corpo, ma rendiamo questo corpo meno materiale e più equilibrato, in grado di sopportare la pressione del fuoco delle nuove energie che si riversano sulla Terra a cascata.

Non stiamo vivendo solo il ringiovanimento del nostro corpo attuale, stiamo vivendo un processo complesso: il ripiegamento di una trama-ologramma e il dispiegamento di un’altra. E queste “forbici” tra il nuovo e il vecchio creano spesso quegli stati di disagio che sono sintomi della trasformazione: dolori, rotture, torsione delle articolazioni, sensazione di bruciore…..

Di conseguenza, la nostra responsabilità per noi stessi, per il nostro mondo, per i nostri cari sta crescendo ora… Perché non solo la vostra trasformazione, ma la trasformazione del mondo intero dipende da quanto vi fidate pienamente di questo processo, da quanto non lo ostacolate con i vostri pensieri e le vostre paure.

I giochi sono finiti, non hanno più senso. Il nostro compito è ricordare il nostro vero sé e uscire dal gioco. Uscire non perché sia disgustoso litigare con qualcuno, ma uscire con grande gratitudine e ammirazione di come abbiamo giocato!… Uscire scegliendo l’Amore e facendo ogni sforzo per diffondere in noi il fuoco del cuore che abbiamo guadagnato nelle nostre vite passate (anche attraverso i tormenti causati da noi e a noi).

Perché scegliendo l’Amore ora, noi, preziose particelle di Dio che hanno giocato nelle incarnazioni polari con tutte le nostre sfaccettature, completiamo la trasformazione della grafite grigia della nostra esperienza di gioco in un prezioso diamante.

Il compito principale dell’anima

La scelta dell’Amore in ogni situazione ci mette in contatto con l’Anima. E il compito principale dell’anima è quello di risvegliare in noi il ricordo che abbiamo già tutto ciò di cui abbiamo bisogno. Il compito dell’anima è ricordarci che siamo manifestazioni del Creatore in questo mondo e che il nostro diritto è quello di creare gli eventi intorno a noi, non di reagire ad essi. Il che è impossibile finché continuiamo a recitare il ruolo al meglio. Ora, proprio la movimentazione della vita intorno a noi ci aiuta a uscire dall’ossessione di ruoli abituali che sono contro la natura della nostra anima. È insopportabile e impossibile continuare a mentire a noi stessi e agli altri, cercando di essere “buoni”, “giusti”, “di successo” sulla base degli stereotipi del passato. In ogni situazione difficile, prendetevi del tempo per ripristinare le vostre risorse, e poi ponetevi la domanda: cosa farebbe l’Amore? E troverete le risposte giuste nei momenti giusti.

Voglio ricordarvi una parabola. È molto sintetica e riflette molto fedelmente i processi che stiamo vivendo ora.

Una volta un bambino chiese a suo padre: che cos’è la vita e come influenza una persona? Il padre gli propose di far bollire l’acqua, di portare un uovo, delle carote e del caffè macinato. Il bambino mise l’uovo in acqua in un contenitore sul fuoco, in un altro le carote, e nel terzo contenitore con l’acqua versò il caffè.

Dopo un po’, il padre chiese al bambino come fosse cambiato il cibo. Il bambino rispose: l’uovo era liquido all’interno ed è diventato duro; la carota era dura ed è diventata morbida; il caffè non è diventato affatto caffè, ma l’acqua non è più acqua.

Così le persone si differenziano per questi tre tipi di reazioni alla vita: alcune si induriscono diventando dure; altre si ammorbidiscono, non per debolezza, ma accettando con amore ciò che sta accadendo, tutte le lezioni e le sofferenze; e altre magicamente, semplicemente essendo se stesse, interagendo con la vita, la cambiano completamente e la trasformano in una buona e bella bevanda.

Vi auguro di essere sempre il terzo e, rimanendo voi stessi, di trasformare ciò che vi circonda in una bella realtà di cui solo voi date il tono, il gusto e il sapore.