5 motivi per cui resisti al cambiamento

Tempo di lettura: 5 minuti.

Da dove viene la resistenza? E come capire se si tratta di paura del cambiamento o di riluttanza ad andare per la strada sbagliata?

In questo articolo, esamineremo 5 cause della resistenza al cambiamento e la sua diversa natura. Riceverai una risposta alla domanda su quando agire davvero e quando smettere.

5 motivi per cui resisti al cambiamento

1. Mancanza di prontezza

Una delle chiavi per affrontare la resistenza è la prontezza. La tua disponibilità ad accettare cambiamenti che stanno già avvenendo o accadranno.

La resistenza sorge prima di ogni trasformazione significativa. È strettamente correlata all’ego. Questa è una parte importante di te, è responsabile della sicurezza, della sopravvivenza. L’ego ci ha servito bene in passato. Ma ora, per la maggior parte, è spaventato, è ossificato.

L’ego ha paura e nella paura crea un’intera cacofonia di emozioni e sensazioni interiori che non consentono di andare avanti.

Pertanto, uno dei punti chiave per accettare i cambiamenti è la prontezza. Se senti che c’è resistenza dentro di te e non sei pronto a fare ciò che deve essere fatto in questo momento, concediti del tempo. Lo chiamo abituarsi. Abituati a questo pensiero in modo che si registri dentro di te.

Che si tratti di un’offerta di lavoro, di un cambio di attività, della nascita di un figlio, del matrimonio e così via. La resistenza può manifestarsi in tutti gli ambiti della vita.

Se senti di non essere pronto, porta sempre con te questo pensiero. E non importa se lo scrivi su un pezzo di carta, lo appendi in diverse parti della stanza per vederlo costantemente, come promemoria, lo metti nel portafoglio o penserai costantemente.

Quando viene fuori un’idea, qualcosa di nuovo, all’inizio fa paura perché non pensi di essere pronto ad affrontarne le conseguenze: non sono abbastanza intelligente, non sono abbastanza forte, non ce la faccio, Non ho la competenza giusta, e così via. Ancora nessun senso di prontezza.

Ma quando cammini, pensa a questo argomento e allo stesso tempo fai le faccende domestiche, dopo un po’ questo pensiero non ti spaventerà più. Ti ci abitui. Questa idea, un nuovo concetto a cui inizialmente hai resistito, o meglio, non tu, ma la tua parte egoica, si è registrata dentro.

Vedi gli stessi ostacoli, le stesse possibili conseguenze, ma non così emotivamente, e non c’è più una risposta così forte, un’opposizione. Perché stai già guardando obiettivamente. E poi c’è la prontezza.

2. Paura di perdere il controllo

Un altro motivo di resistenza è che abbiamo sempre paura di perdere il controllo.

Quello che abbiamo al momento è stabile. Ci sembra familiare e familiare, siamo già stati qui. E c’è qualcosa di oscuro, di incomprensibile.

È importante accettare che non puoi sempre controllare tutto e che devi lasciar andare la presa del controllo. E qui la fiducia verrà alla ribalta: “So per certo che tutto ciò che sta accadendo in questo momento nella mia vita è per il mio bene”.

Anche se è difficile, questo è un bene per me, assolutamente. Non può succedere altrimenti.

3. Incertezza

Il terzo punto per cui la resistenza funziona è l’incertezza. Molte persone non sempre hanno fiducia di potercela fare, di avere qualifiche sufficienti, le loro capacità corrispondono. Sbilancia e suscita una forte ondata di emozioni.

Il meccanismo di abbassamento dell’autostima e della percezione di sé è attivato. Arriva il momento della rivalutazione. Ed è importante non sottovalutare i tuoi risultati, ma, al contrario, riconsiderare come sei cambiato e renderti conto che sei capace, che hai questa opportunità e la utilizzerai.

4. Scontro tra prontezza e sfide

Il momento o la fase successiva è il momento in cui la tua prontezza si scontra con le tue infinite sfide. Ciò provoca una maggiore resistenza.

Quando sembri abituarti all’idea di cambiamento, potresti anche aver fatto il primo passo e le sfide iniziano a essere superate.

Spesso in questa fase le persone fanno un passo indietro: “probabilmente questo non è mio”, pensando che siccome hanno già deciso, ora ci sarà sempre il via libera fino in fondo. Ma forse queste chiamate servono come una specie di prova, in modo che tu possa pensare di nuovo che questo è davvero quello che vuoi.

5. Aspettative

Inoltre, non dimenticare le aspettative. Quando entri in questa onda, ti sembra che ci sia una realtà di ciò che hai, e c’è una realtà di ciò che vuoi. E non è chiaro se ti stai avvicinando o meno. Evoca anche emozioni.

Questo è qualcosa di nuovo, incomprensibile, non sai come controllarlo, se puoi gestirlo, inizi a dubitare se ne hai bisogno, se dopo starai bene. Diversi fattori si incontrano contemporaneamente: sia l’incertezza che la paura di perdere il controllo.

Se soccombe a queste emozioni, può esserci un forte divario tra ciò che volevi, ti aspettavi e la realtà. Tutto ciò suscita una tempesta di emozioni, e tutte queste cinque ragioni danno origine a un meccanismo di resistenza.

La resistenza è una reazione naturale

Di solito le persone sono felici di percepire cambiamenti positivi, ma è necessario prestare particolare attenzione quando c’è una reazione negativa.

Quando i cambiamenti e le trasformazioni nella tua comprensione sembrano positivi, la resistenza si esaurisce più velocemente, tu la superi più velocemente. Ma di solito la resistenza è accompagnata da paura, rabbia e persino aggressività.

In psicologia, tutte le fasi della resistenza sono ben definite. Questa è una normale reazione umana. E la cosa principale che puoi fare per te stesso è rendertene conto. Se qualcosa provoca resistenza dentro di te, dietro c’è qualcosa di grandioso.

Ma allora sorge la domanda: come vedere la differenza? Come fai a distinguere tra la resistenza che porta a un grande cambiamento gioioso e quando ti senti sulla strada sbagliata?

La diversa natura della resistenza al cambiamento

Qual è la sensazione di resistenza quando si va nella direzione sbagliata? Come lo esprimi? Quali sono i sintomi?

Non ho mai sperimentato in vita mia una resistenza dall’andare nella direzione sbagliata. Per me, questi sono processi completamente diversi, ma questa potrebbe essere la mia caratteristica individuale.

La resistenza è la reazione dell’ego, la parte di te che teme il cambiamento, che trema per la tua sicurezza, la tua sopravvivenza. Si preoccupa per te, ma in una forma così leggermente perversa.

E quando senti che stai andando nella direzione sbagliata, ha a che fare con il livello di intuizione, con la tua capacità di sentire.

Quando vai nella direzione sbagliata, le forze superiori ti inviano migliaia di segnali e più lontano, più potente, che senti da diverse parti. Impossibile non accorgersene.

Sei in grado di distinguere il sabotaggio dalla resistenza quando stai andando nella direzione sbagliata? Quanto ti fidi della voce del tuo intuito?

Autore

Non è un caso che sei Qui. Grazie di esserci. Lascia per favore il tuo feedback.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto
×