Come aumentare la responsabilità nei diversi ambiti della vita

Come aumentare la responsabilità nei diversi ambiti della vita

Tempo di lettura: 5 minuti.

Età adulta e responsabilità. Come aumentare la responsabilità nei diversi ambiti della vita

Qual è il problema di molte persone che non riescono ad assumersi la responsabilità della propria vita?

Guardano tutto con gli occhi del loro bambino interiore, il cui compito non è quello di risolvere i problemi, affrontare le situazioni difficili, guarire i traumi.

Questo è il compito di un adulto. Ma un adulto non solo per passaporto, ma anche per condizione.

Leggete che cosa potete fare per guarire il vostro bambino interiore da adulti e come responsabilizzarvi in quelle aree della vita in cui siete carenti.

Qual è la funzione del bambino interiore e dell’adulto?

 

“Il nostro bambino interiore non è qui per farsi carico delle difficoltà del mondo, facendole proprie, o per comportarsi come un adulto.

Il ruolo del nostro bambino interiore è quello di giocare, divertirsi e godere dell’abbondante magia che la vita ci offre!

A causa di tutte le esperienze difficili che abbiamo avuto come empatici, a causa della nostra ipersensibilità all’ambiente, la maggior parte di noi è arrivata ad associare il nostro bambino interiore alle energie della tristezza, del trauma e della privazione.

Una delle più grandi illusioni è che il nostro bambino interiore abbia bisogno di complicare le cose a causa del suo desiderio di sentirsi sicuro e protetto.

Il bambino interiore è progettato per prosperare nelle cose semplici della vita. Cose come l’amore, la gioia, la pace, il divertimento e il gioco”.

Il bambino interiore è il nostro bambino, che noi nutriamo, alimentiamo, amiamo. Possiede una spontaneità, una curiosità, un’innocenza infantili.

La maggior parte degli adulti (adulti in termini di età) aspetta un principe su un cavallo bianco che venga a risolvere i loro problemi, o le fatine che vengano a salvarli, a dare loro ciò di cui hanno bisogno.

Dentro di noi c’è il desiderio di non fare da soli, ma di farcela in qualche modo. Si tratta di una mancanza di volontà di assumersi le proprie responsabilità e di crescere davvero. In sostanza, si scopre che stiamo cercando di caricare il nostro bambino interiore di problemi da adulti per farglieli risolvere.

Forse questo atteggiamento deriva dall’infanzia, quando eravate bambini e i vostri genitori vi coinvolgevano nella risoluzione di problemi da adulti che non erano alla vostra età. O forse voi stessi state cercando di caricare il vostro bambino interiore, per renderlo un risolutore.

Diventate adulti

Togliete la responsabilità al vostro bambino interiore. Il suo compito è divertirsi, saltare, giocare. Ricordate i bambini: saltano sui divani finché vogliono, e non importa se i vicini battono sul muro o meno.

Ridate a voi stessi la capacità di esprimere la vostra gioia, le vostre lacrime, molte cose in modo sincero e fortissimo senza guardare indietro a nessuno.

Iniziate a curarlo, a parlargli, a mostrargli che VOI siete l’adulto che si assume la responsabilità che questo piccolo possa comporsi in questo modo.

E il risultato sarà abilitare la curiosità, non la paura, non la responsabilità, ma la curiosità di andare dietro a qualcosa di nuovo.

Potete usare il mantra:

“Caro e amato bambino interiore, ti vedo, ti amo e ti sostengo incondizionatamente”.

Puoi tornare al tuo vero aspetto, che è l’Amore.

Ti libero dal bisogno di fare cose da adulti. Voglio solo ricordarti che il tuo unico compito in questo momento è divertirti, giocare e goderti la vita!

È per questo che sei venuto qui! E io sono qui per te, sempre”.

Diventate adulti. Dopo tutto, è ridicolo quando una donna matura di 40 anni reagisce al comportamento di qualcuno e si offende come una bambina di 4 anni.

Tenete traccia delle vostre reazioni ai fattori scatenanti, ai bottoni rossi. In quali altri casi reagite come un bambino? Perché in queste situazioni è il vostro bambino interiore a essere responsabile e non voi, l’adulto?

 

Come aumentare la responsabilità

 

È facile dire: diventa un adulto. Ma come fare, se per tutta la vita si è abituati a reagire dallo stato di bambino.

Diventare adulti significa assumersi la responsabilità di se stessi e delle proprie azioni, prendere decisioni e seguirle.

È possibile aumentare la responsabilità in generale?

La responsabilità è l’obbligo di essere responsabili delle proprie azioni, dei propri atti, di doverne rendere conto.

Questa è una definizione generale. È importante capire in quale ambito è necessario aumentare la responsabilità. Si può essere responsabili di qualcosa, ad esempio prendersi cura di un bambino, della sua educazione etc.

Ma, ad esempio, non ci si preoccupa della propria salute, non ci si prende cura del proprio corpo, non ci si riposa abbastanza.

Per diventare responsabili, scrivete per voi stessi le azioni in cui sarete responsabili, in cosa si manifesterà.

Non c’è un modo rapido per diventare responsabili.

 

Come la vita insegna la responsabilità

 

Spesso la vita insegna la responsabilità, aiuta a trovarla.

Nella vita molte cose per me sono irrilevanti, tutto ciò che ha a che fare con gli acquisti, i calcoli. Non ho mai controllato nulla e non ricordo quanto costano le cose.

Una volta ho avuto un’ottima lezione sul fatto che i documenti finanziari devono essere trattati con cura, cioè essere responsabili.

Stavo rimborsando una ragazza per un acquisto. O era stato pagato due volte o c’era stato un errore, non ricordo, un esempio, lei ha inviato 2 volte 1.000 euro e io, per negligenza, ne ho inviati 10.000 rimborso.

Per fortuna non era una situazione di conflitto. Le ho chiesto il resto. Mi è stato restituito. Ma avrebbe potuto verificarsi un’altra situazione in cui avrei perso quei soldi.

Dopo questo episodio, ho preso nota che ogni volta che inserisco l’importo, ricontrollo più volte in modo da non commettere errori.

Prima di allora non me ne importava nulla, ero sempre in movimento, andavo alla grande. Ma mi hanno insegnato molto bene. 10.000 si sono rivelati una cifra normale per accendere il mio cervello. Ed è qui che entra in gioco la responsabilità.

Pensate alle vostre situazioni in cui la vita vi ha insegnato la responsabilità.

Sono a favore della naturalezza. Non c’è bisogno di creare artificialmente le situazioni, ma di lavorare con ciò che si ha davanti. Utilizzate le circostanze in cui vi trovate e vedete dove, nel vostro caso, dovete assumervi delle responsabilità.

Iniziate dalle piccole cose: siete andati a comprare il pane e avete comprato tutto tranne il pane. Questo non indica mancanza di concentrazione, ma proprio irresponsabilità. E così è in diversi ambiti.

All’inizio della mia attività di imprenditrice ho pagato molte multe. Pensavo che si trattasse solo di inviare un foglio di carta con un giorno di ritardo.

A quel tempo ero più incline alla parte spirituale, il denaro non era molto importante, quindi la vita mi ha insegnato la responsabilità nei confronti delle finanze.

Sviluppate delle regole per voi stessi, una regola che non viene messa in discussione. E iniziate a metterle in pratica poco a poco.

Introducete nuove abitudini una alla volta, scegliete un argomento che vi appassiona e cercate di inserirlo nella vostra vita. Se ci riuscite, siate felici per voi stessi, congratulatevi con voi stessi. Se non ha funzionato, ok, ci proverò la prossima volta.

La cosa principale è mantenere la concentrazione: lo farò comunque, anche se non oggi, quindi domani, non dopodomani, quindi tra un mese.

Non ci sono ricette magiche per farlo una volta e basta.

È così che si forma la responsabilità e, con essa, l’età adulta.

Condividete le vostre storie su come la vita vi insegna la responsabilità?

 

Autore

Non è un caso che sei Qui. Grazie di esserci. Lascia per favore il tuo feedback.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto
×